EXCELLENCE MAGAZINE LUXURY 

Alto, forte, intelligente, bello ed elegante; così si presentava ai suoi contemporanei Leonardo da Vinci. L’artista-scienziato autore di intuizioni futuristiche come la moderna automobile, l’elicottero, lo scafandro ed il paracadute, si distinse anche per aver inventato oggetti meno complessi ma non per questo meno importanti.

L'amore tra un pianoforte e un violoncello. Il suono della Viola organista di Leonardo Da Vinci.
Pieno di corde, ingranaggi e ruote da telaio, questo strumento è una vera e propria opera d'arte, capace di riprodurre su tastiera i suoni voluttuosi del violoncello. 
" Puoi estendere il suono quasi all'infinito e fare il vibrato che nessun pianoforte moderno permette. E' da pelle d'oca ".

Guarda il video e ascolta la musica per avere un'idea del suono.

Non è l'unico approccio di Leonardo con la Musica infatti il Vasari, raccontano che Leonardo donò al duca di Milano una lira d'argento a forma di teschio di cavallo, caratterizzata da un timbro molto potente. Leonardo accompagnato da questa lira partecipò ad una gara canora che si svolgeva presso il ducato di Milano. Sbaragliò tutti i suoi concorrenti proprio perché, oltre ad essere un abile musicista ed ingegnere del suono, era anche un intonato improvvisatore di rime.

Alcuni storici dell'arte sono convinti che un artista si dedichi all'autoritratto nel periodo in cui ha preso coscienza di se ed è maturo per questa fase introspettiva. Non mi sono mai sentito maturo come artista ma ciò nonostante da sempre mi diverto ad usarmi come modello per i miei disegni e dipinti.

 

Nel febbraio del 2009 Piero Angela annuncia di aver scoperto un autoritratto di Leonardo da Vinci negli appunti del volo.

L’immagine riemersa dal restauro digitale per merito di Angela, a mio avviso non rappresenta l’autoritratto di Leonardo, come sospetta il noto conduttore, ma il ritratto di un altro importantissimo personaggio storico: il figlio del Papa Alessandro VI Borgia.

Previous Next

http://excellencemagazine.luxury/ EXCELLENCE VISITA LA RIVISTA

Leonardo da Vinci suddivideva i movimenti in “materiali” e “spirituali”, ovvero in visibili ed invisibili. Il volto umano sorridendo fa un movimento visibile, invecchiando ne fa uno impercettibile e quindi invisibile. Frane e terremoti sono movimenti visibili della terra, le erosioni e l’innalzamento dei monti sono quelli invisibili.Autopsia della spalla