Alessio Telesca, in Arte IceBerg in mostra con "Cartastracci" al Pipistrello Pub

Alessio Telesca, in Arte IceBerg, nasce a Potenza il 16 Novembre del 1992.
Sin da piccolo si avvicina all'arte grazie alla passione per il viaggio dei genitori e ne rimane affascinato.

Il primo contatto diretto con il disegno artistico arriva durante il corso dei suoi studi presso il liceo scientifico. Grazie alla sua docente di Storia dell'Arte si appasiona alla materia.
Sogna di iscriversi all'accademia d'arte ma preferisce assicurarsi uno stabile impiego lavorativo. Si scrive ad Ingegneria presso l'Università degli studi della Basilicata.
Resta quindi a Potenza e durante gli anni universitari, ormai da autodidatta, prosegue i suoi studi sul colore, sulle tecniche di pittura e di disegno dedicandovi il suo tempo libero.
Negli ultimi anni universitari si appassiona all'architettura ed alle sue forme artistiche e comincia a mescolare arte e scienza come nei recenti lavori del progetto Cartastracci.

Carta straccia è un progetto nato durante gli ultimi anni di università. La tecnica usata è cera su carta, la carta utilizzata è piena di appunti universitari, ed è carta alla quale ho voluto dare un'altra vita al fine di limitarne lo spreco. Una persona importante una volta mi ha detto che l'arte deve rispecchiare il periodo storico in cui si vive, e questa è la mia interpretazione. I lavori di quest'album sono tutti realizzati su carta di poco valore, su fogli rovinati, strappati vissuti, sono opere che rispecchiano la caducità dell'epoca in cui viviamo; opere che nonostante il lavoro che hanno dietro possono strapparsi e cessare di esistere da un momento all'altro. Realizzate su grandi fogli di carta destinati a diventar pattume esse rispecchiano l'essenza di ciò che siamo, della fragilità dell'animo umano, della crisi che attraversiamo in cui tutto cio che non è indispensabile sembra aver perso valore, ed anche l'arte non riesce a trovare il dignitoso sipario che le spetta. Wastepaper is a project born in my last years of university. The techinques is "Crayon on Paper", the used paper is filled with university notes, and it's a paper I wanted to give another life to in order to reduce waste and consumption. Somebody I respect once told me that Art should mirror the historical period we're in, and this is it. This album's works are made on low quality paper, on wasted, ripped sheets to mirror our time's caducity, and even if they took a hard work to be made, they could be easily torn apart and cease to exist. They mirror human condition, our fragility, the crisis we're in, where even Art cannot find the decent stage it deserves.

https://www.facebook.com/pg/IceBerg.Art1/photos/?tab=album&album_id=347793845658640

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna